LE USCITE DELLA SETTIMANA (17-20 Ottobre)

LE USCITE DELLA SETTIMANA (17-20 Ottobre)

USCITE CINEMA 17 -20 OTTOBRE 2013

 

Il film della settimana:

 

LA PRIMA NEVE

di Andrea Segre

Con: Jean Christophe Folly, Matteo Marchel, Anita Caprioli, Peter Mitterrutzner, Giuseppe Battiston, Paolo Pierobon. Distributori: Parthenos. Genere: Drammatico.

Utilizzo:  Attività culturale/Cineforum (Junior Cinema: Teens-Young)

La prima neve è quella che tutti in valle aspettano. È quella che trasforma i colori, le forme, i contorni. Dani però non ha mai visto la neve. Dani è nato in Togo, ed è arrivato in Italia in fuga dalla guerra in Libia. È ospite di una casa di accoglienza a Pergine, paesino nelle montagne del Trentino, ai piedi della valle dei Mocheni. Ha una figlia di un anno, di cui però non riesce a occuparsi. C’è qualcosa che lo blocca, un dolore profondo. Dani viene invitato a lavorare nel laboratorio di Pietro, un vecchio falegname e apicoltore della valle, che vive in un maso di montagna insieme alla nuora Elisa e al nipote Michele, un ragazzino di 10 anni la cui irrequietezza colpisce subito Dani. Il padre di Michele è morto da poco, lasciando un grande vuoto nella vita del ragazzino, che vive con conflitto e tensione il rapporto con la madre e cerca invece supporto e amicizia nello zio Fabio. La neve prima o poi arriverà e non rimane molto tempo per riparare le arnie e raccogliere la legna. Un tempo breve e necessario, che permette a dolori e silenzi di diventare occasioni per capire e conoscere. Un tempo per lasciare che le foglie, gli alberi e i boschi si preparino a cambiare. In quel tempo e in quei boschi, prima della neve, Dani e Michele potranno imparare ad ascoltarsi. Il film può essere spunto per riflessioni su temi importanti come l’immigrazione, la comprensione tra persone di origine ed etnie diverse, il rispetto e il rapporto diretto con la natura. Tutti temi da sviluppare con una visione guidata e in occasioni mirate di riflessione e confronto.

 

Altre uscite che possono essere di interesse:

 

GIOVANI RIBELLI – KILL YOUR DARLINGS

di John Krokidas

Con: Daniel Radcliffe, Elizabeth Olsen, Jack Huston. Distribuzione: Notorius Pictures. Genere: Drammatico.

Utilizzo: Cineforum

La storia dell’incontro di tre giovani alla Columbia University, destinati a diventare amici e sodali, e prima di diventare dei guru della letteratura e della società americana. Nel 1944, Allen Ginsberg (Daniel Radcliffe) era una matricola alla Columbia University. Jack Kerouac (Jack Huston) era un universitario per necessità, tornato agli studi dopo aver resistito otto giorni in Marina. William S. Burroughs (Ben Foster) aveva abbandonato la facoltà di medicina e stava diventando un giovane tossicodipendente, sopravvivendo ai margini della scena bohemienne newyorkese. A farli incontrare fu uno studente della Columbia University implicato nell’omicidio di David Kammerer, trovato morto nell’Hudson River nel 1944. Il loro improbabile quanto contagioso sodalizio ha fatto nascere la Beat Generation, una rivoluzione che dalla letteratura ha incendiato i costumi del paese. Il film, che richiede un pubblico preparato, trova una possibile collocazione in contesti di dibattiti e approfondimenti storici su letteratura e società nella parte centrale del secolo scorso.

 

Le altre uscite:

 

UNA PICCOLA IMPRESA MERIDIONALE

di Rocco Papaleo

Con: Riccardo Scamarcio, Barbora Bobulova, Sarah Felberbaum. Distribuzione: Warner Bros. Genere: Commedia.

Don Costantino è un prete che viene confinato dalla madre Stella in vecchio e dismesso faro, per evitare che tutto il paese sappia che l’uomo, una volta rispettabile, abbia deciso di spretarsi. La signora Stella ha un altro grosso guaio da affrontare, la figlia, Rosa Maria, ha lasciato il marito per scappare con un focoso e misterioso amante. Ma il vecchio faro, che dovrebbe essere la dimora di esilio di Costantino, diventa un punto di magnetismo per le persone che iniziano a rifugiarsi li per espiare i loro peccati. Anche una ex prostituta vi fa visita, suo cognato e una fatiscente ditta di ristrutturazioni che deve riparare il tetto. Ambientato nel mezzogiorno italiano, un’altra commedia all’insegna dello stile di Rocco Papaleo che rappresenta però un regresso rispetto al precedente film. Il racconto è  senza pretese, purtroppo ricco dei soliti luoghi comuni, delle cadute di gusto e di tono e delle solite superficialità di cui, per essere alla moda, sembra che i registi nostrani non possano fare a meno. Se ne sconsiglia la programmazione.

 

COSE NOSTRE – MALAVITA

di Luc Besson

Con: Robert De Niro, Tommy Lee Jones, Michelle Pfeiffer. Distribuzione: Eagle Pictures. Genere: Thriller

La famiglia di un gangster pentito americano, I Manzolinis, viene trasferita in Francia grazie al programma di protezione testimoni. La storia che racconta il capo famiglia, è quella di essersi trasferito in Normandia per delle ricerche per scrivere un libro sulla seconda guerra mondiale. Proprio quando sembra che tutto stia andando per il verso giusto e la vita di paese gli calzi addosso, il passato tormentato torna a bussare alla sua porta. Luc Besson dipinge una black comedy coinvolgendo Martin Scorsese nel ruolo di produttore, e riporta Robert De Niro nel ruolo di un malavitoso. Regista e attori di valore al servizio di un film di genere con molta violenza gratuita.

 

ESCAPE PLAN – FUGA DALL’INFERNO

di Mikael Hafstrom

Con: Sylvester Stallone, Arnold Schwarzenegger, Amy Ryan, Vincent D Onofrio, Jim Caviezel. Distribuzione: 01 Distribution. Genere: Azione

Una autorità delle strutture di sicurezza si ritrova imprigionata nel carcere che lui stesso ha progettato e da dove è praticamente impossibile fuggire. Ci vorrà tutta la sua preparazione e la sua intelligenza per riuscire a muoversi in un luogo che ti tiene inchiodato e dove gli spazi di manovra sono ridotti a livelli infinitesimali. Due leggende del cinema si alleano in un action-thriller dove più che i muscoli contano l’intelligenza ed il sangue freddo e dove la solita violenza fracassona e improbabile fa da padrona.

 

THE ACT OF KILLING – L’ATTO DI UCCIDERE

di Joshua Oppenheimer

Con: Haji Anif, Syamsul Arifin, Sakhyan Asmara, Anwar Congo, Jusuf Kalla. Distribuzione: Distribuzione Alternativa. Genere: Documentario

Indonesia: gli assassini raccontano. Nel 1965 i paramilitari del movimento Pancasila danno vita a un colpo di Stato che sfocia in un genocidio. Oltre un milione di persone finiscono trucidate nella “più grande caccia ai comunisti di tutti i tempi”. I killer di allora oggi sono anziani signori benestanti che, in questo film impressionante, fanno cinema. Ricreano e mettono in scena i loro atti criminali. Spesso, in una tragica inversione, impersonano le vittime. Il regista Joshua Oppenheimer, al suo esordio, segue il loro percorso dal compiacimento di protagonisti di una violenta giustizia politica alla riflessione sulle implicazioni, non solo morali, dell’omicidio di Stato.

 

THE LAST DAYS

di Alex e David Pastor

Con: Quim Gutiérrez, José Coronado, Marta Etura, Leticia Dolera. Distribuzione: Distribuzione Alternativa. Genere: Thriller

2013. Un virus misterioso che si sviluppa negli spazi aperti provocando la morte istantanea costringe la popolazione  a rimanere intrappolata all’interno degli edifici. Quando anche la città di Barcellona sprofonda nel caos, Marc, rimasto chiuso nel suo ufficio, deve riuscire a ritrovare la fidanzata Julia, scomparsa nel nulla, ma soprattutto deve farlo senza mai avventurarsi fuori…

 

TWO MOTHERS

di Anne Fontaine

Con: Robin Wright, Naomi Watts, Ben Mendelsohn, Sophie Lowe. Distribuzione: BIM. Genere: Drammatico

Inseparabili fin da bambine, Lil e Roz vivono in perfetta simbiosi con i loro figli, due ragazzi dalla grazia singolare che sembrano quasi un’estensione delle madri. I mariti sono assenti. Inspiegabilmente, e tuttavia come piegandosi all’inevitabile, le due donne si avvicinano una al figlio dell’altra, in una relazione che si fa subito passionale. Una storia d’amore a quattro, fuori dagli schemi e ricca di sensualità. La notorietà degli interpreti e una certa finezza formale non giustificano un approccio superficiale e volutamente scabroso.

 

Film segnalati nelle precedenti settimane

 

Una canzone per Marion di Paul andrew Williams (Lucky Red)

Vado a Scuola di Pascal Plisson (Academy 2) Junior Cinema: Teens-Young

L’intrepido di Gianni Amelio (01 Distribution)

Che strano chiamarsi Federico! di Ettore Scola (BIM)

L’arbitro di Paolo Zucca (Lucky Red)

I Puffi 2 di Raja Gosnell (Warner Bros) Junior Cinema: Baby

Gravity di Alfonso Cuaron (Warner Bros)

 

 Leggenda:  Alla voce utilizzo vengono indicate alcune sigle che possono essere di aiuto per la programmazione del film:

Attività ordinaria = Il film in genere è realizzato per il grosso pubblico con una valenza tipicamente commerciale. Fatto salvo che, se non è indicato diversamente, il film si rivolge comunque ad un pubblico adulto, si consiglia di utilizzare il film per più giorni, nel fine settimana e per il grosso pubblico in generale.

Attività culturale = Film di qualità che richiede un pubblico generalmente preparato.  Da utilizzare per più giorni e nel fine settimana in quelle sale che svolgono principalmente attività culturale. In occasioni mirate, in giorni stabiliti, per le altre sale.

Cineforum = Film particolarmente adatto per l’utilizzo in condizioni mirate, per occasioni di dibattito, riflessione e confronto.

Situazioni mirate =Documentari o eventi musicali o culturali di vario genere, mirati per un pubblico selezionato o di appassionati.

Junior Cinema (Baby-Teens-Young) = Film realizzato per un pubblico di ragazzi e per la visione familiare. Da proporre in ogni occasione riservata a questo tipo di pubblico. Se il film ha interesse didattico e scolastico è indicata la voce (scuole).  

I film, inoltre, sono raggruppati per: I film della settimana (particolarmente validi dal punto di vista artistico e per i valori che propongono), Altre uscite che possono essere di interesse (film che può risultare interessante per essere utilizzato in particolari situazioni o per interesse artistico o commerciale), Le altre uscite (film che non vengono consigliati per la programmazione).