MALEDIMIELE

MALEDIMIELE

di Marco Pozzi

(Maledimiele) REGIA: Marco Pozzi. SCENEGGIATURA:Paola Rota. INTERPRETI: Benedetta Gargari, Gian Marco Tognazzi, Sonia Bergamasco, Isa Barzizza. FOTOGRAFIA: Alessio Viola (Formato: Panoramico/Colore). MUSICA: Claudio Pelissero. PRODUZIONE: 3PER. DISTRIBUZIONE: Movimento Film. GENERE: Drammatico. ORIGINE: Italia. ANNO: 2012. DURATA: 106′. (Junior Cinema: Teens-Young)

Il tema è tra i più dolorosi e difficili da affrontare, non solo al cinema. Spettro per i genitori, motivo di fascinazione per le giovanissime, l’anoressia è la principale causa di morte tra gli adolescenti occidentali. Le statistiche parlano chiaro: il rifiuto del cibo fa più danni dell’alcol, della droga e degli incidenti stradali. Nel film Maledimiele il regista Marco Pozzi si avvicina in punta di piedi a questo spinoso argomento per raccontare un disagio che si insinua dolcemente nei corpi più acerbi per poi impossessarsene con spietata ferocia fino a modificare in chi ne è abitato la percezione della realtà. Protagonista della storia è la giovane Sara (Benedetta Gargari), che cresce in una famiglia come tante, con due genitori (Sonia Bergamasco e Gianmarco Tognazzi) che pensano di dare ai figli l’amore di cui hanno bisogno, ma che in realtà vivono in un disperato isolamento che non permette loro di vedere davvero ciò che guardano. Sara è capace di divorare un pacco di biscotti nel giro di qualche minuto, ma anche di trascorrere giorni interi senza toccare cibo, infliggendo al proprio corpo tormenti assurdi. «Il mio obiettivo – spiega il regista – era quello di raccontare un dramma senza ricorrere a immagini spettacolari, pericolose speculazioni o facili giudizi. Benedetta ha perso solo qualche chilo, non volevo concentrarmi su immagini voyeuristiche di corpi scheletrici, ma sul processo mentale che porta a privarsi del cibo.

Nel film non c’è un rapporto di causa ed effetto, l’anoressia colpisce i giovani per una serie di ragioni. Ma dopo tante ricerche credo di aver capito che i ragazzi vittime di disturbi alimentari siano estremamente sensibili e intelligenti e paghino lo scotto di aver posto l’asticella molto in alto. Sono come dei kamikaze pronti a far esplodere violentemente le contraddizioni della società, in particolare della famiglia. I genitori spesso non sono in grado di capire la portata del dramma vissuto dai propri figli, per questo anche i coetanei e la scuola possono diventare un importante campanello di allarme ». Un altro dato sconcertante è che esistono almeno 300mila siti che favoriscono la socializzazione di chi soffre di disturbi alimentari fornendo regole anoressizzanti e bulimizzanti. «Sono blog che fanno un uso molto scaltro delle immagini – continua il regista – e proprio da li ho preso l’idea della protagonista che disegna sul lenzuolo la sagoma del proprio corpo sempre più stretta».

*Distribuito da Movimento Film, il film è presentato, grazie alla collaborazione con Agis Scuola, con l’intento di farlo vedere a molte classi di studenti. «Le reazioni che stiamo ottenendo dai ragazzi – conclude Pozzi – sono davvero significative. In un modo o nell’altro conoscono questa malattia, ne hanno intercettato i segnali e le conseguenze: il freddo, la mancanza di forze, il nascondersi sotto strati di vestiti. Accompagno spesso il film insieme a un nutrizionista o a uno psicologo e le domande degli studenti sono stupefacenti, così come la loro capacità di confessare di essere vittime dello stesso disagio». L’uso mirato che può essere fatto del film lo rende utile per dibattiti e incontri di vario tipo sul tema che affronta.

CLASSIFICAZIONE FILM: Teens-Young
Tipologia Utilizzo: GENERALE

Scrivi un Commento

Effettua il LOGIN per inviare un commento.