Newsletter 2017 n.6 – GIUGNO

Newsletter 2017 n.6 – GIUGNO

NEWSLETTER SALE DELLA COMUNITA’ TOSCANA

Anno 2017 n.6 – Giugno

NEWS-Acec-NEWS

5 NUOVI LIBRI SULLE SALE DELLA COMUNITA’

libri sdc

Chi svolge un’attività nelle sale della comunità avrà spesso desiderato di poter consultare una sorta di “vademecum” per un’efficace e corretta gestione della sala. La mini collana “SDC E…” promossa da Acec (EFFATA’ editrice) e presentata ad Ascoli durante gli SDC-Days (8-11 giugno) incontra proprio l’esigenza di avere a disposizione uno strumento operativo e organizzativo per la propria attività culturale e pastorale.
CLICCA QUI per avere maggiori informazioni.



APERTO IL TESSERAMENTO ANCCI 2017/2018

Si ricorda ai soci dell’ANCCI Toscana che è iniziato il tesseramento per il nuovo anno sociale 2017-2018. Il costo del bollino è di € 0,50 ciascuno; coloro che ne fanno richiesta possono usufruire anche della tessera nazionale che viene ceduta gratuitamente per un numero pari ai bollini richiesti.

La richiesta va rivolta a segreteria@anccitoscana.it indicando numero di bollini, numero di tessere richieste e specificando l’indirizzo a cui spedire il materiale.

Si coglie l’occasione per ricordare che il rinnovo dell’affiliazione è condizione necessaria per ricevere i contributi ed i servizi dell’associazione.


AGGIORNAMENTO SU CENSIMENTO SALE DELLA COMUNITA’ IN TOSCANA

Il progetto di censimento delle Sale della Comunità in Toscana sta per essere completato nella prima fase: la raccolta dati su cosa esiste in regione come locali e gruppi legati alle parrocchie. Ben 15 diocesi su 17 sono state censite. Le ultime due diocesi, Lucca e Pisa, verranno censite a partire da settembre.
C’è ancora la possibilità per tutte le parrocchie che non hanno avuto modo di partecipare al sondaggio, di farlo online attraverso QUESTO MODULO COMPILABILE.




SALE DELLA COMUNITA’ IN TV

Un anno fa andava in onda su GRANDUCATO TV la trasmissione sulle Sale della comunità in Toscana con Vito Rosso di ACEC-ANCCI Toscana. All’interno, anche due interviste a realtà che operano in questo settore. Riproponiamo il video, nel quale sono sintetizzati gli obiettivi del sondaggio delle sale e dei gruppi parrocchiali, ormai arrivato a buon punto.
Di seguito la trasmissione completa. 
(CLICCA QUI PER VISUALIZZARE LA TRASMISSIONE SU YOUTUBE)



cropped-logo-tv-prato-1

ALLA SCOPERTA DELLE COMPAGNIE TEATRALI TOSCANE

_MG_3064

Oggi presentiamo la compagnia Teatrale Amatoriale “L’Antica Fraschetta” di Bucine (AR).

Costituita quest’anno come Associazione Filodrammatica, la compagnia fu fondata intorno al 1950 da Giulio Brocci, primo e grande capocomico, che ha ricoperto questo ruolo fino al 2012 e purtroppo recentemente scomparso, ed è ora portata avanti da Claudio Fuccini. Fin dalle sue origini la compagnia porta in scena uno o più spettacoli annui di vario genere, sia in territorio comunale che extra comunale. L’attività che compare sul palcoscenico nel momento della rappresentazione è il culmine di  un intenso lavoro, portato avanti per mesi da parte di tutti i componenti della Compagnia, sempre a titolo volontario e gratuito. Le prove diventano occasione di aggregazione e di importante riferimento sociale per un nutrito gruppo di persone, che in queste occasioni trovano un motivo di ritrovo e di scambio culturale generazionale. Infatti la Compagnia è composta da persone di tutte le età: giovani diciottenni, adulti, pensionati e anziani, che riescono a cooperare uniti dalla passione per il teatro e da un sano affetto reciproco.

Il genere che da sempre la Compagnia ha esaminato e portato sulle tavole del palco è principalmente il vernacolo fiorentino. Le commedie, che appartengono alle nostre radici storico-culturali, permettono alle nuove generazioni la conoscenza di un mondo ormai in decadenza, fatto di tradizioni, usi e costumi, che se nella vita reale rimane coperto dalla patina del tempo, sulla scena invece ritrova la freschezza e la brillantezza della veridicità. Senza trascurare la riscoperta e il mantenimento di un patrimonio linguistico fiorentino sempre più in disuso proprio nel capoluogo toscano. L’altro genere che dal 2012 la Compagnia ha iniziato a svolgere è quello del Varietà, pilastro del teatro e della televisione dall’inizio del ‘900 fin quasi ai giorni nostri. Questo tipo di spettacolo, particolarmente gradito al pubblico, ci ha permesso di entrare più volte nei programmi delle feste del Perdono sia di Bucine che dei comuni limitrofi.

Come sosteneva la più celebre attrice italiana dell’800, Adelaide Ristori: “il costume di scena è indispensabile per entrare nel personaggio”, pertanto la nostra Compagnia impiega quasi tutte le sue risorse economiche, provenienti da donazioni private, per la messa a punto degli abiti di tutti gli attori, di volta in volta sempre nuovi e diversi, in base al periodo storico della commedia presa in esame. Tutto il lavoro di realizzazione di questi costumi, dalla scelta delle stoffe fino alla cucitura degli abiti, viene sostenuto da delle volontarie con la passione per la sartoria che generosamente offrono il loro tempo e la loro abilità. Fondamentali sono anche i materiali di scena che permettono all’attore di immedesimarsi nel personaggio che sta interpretando e allo spettatore di calarsi nella vicenda attraverso la veridicità della scena e dei dettagli, oltre che i fondali e le scene create appositamente per ogni spettacolo.

Tra le ultime rappresentazioni spiccano per interesse storico-culturale e riscontro caloroso da parte del pubblico: “Il Castigamatti”, “La speranza gl’è l’ultima a morire”, “La fortuna si diverte”, “La zona tranquilla” e l’ultima “E’ arrivato lo Zio Angelo”, scritta dal vicepresidente dell’associazione Lisandro Torrini.

Mandateci la presentazione della vostra compagnia e la diffonderemo tramite la nostra newsletter ad oltre 1500 contatti in Toscana.



cinemaun appuntamento per la sposaquando un padreaspettando il respiderman

FILM CONSIGLIATI

UN APPUNTAMENTO PER LA SPOSA
di Rama Burshtein. Genere: Commedia.
Utilizzazione: Attività culturale/Cineforum
Un appuntamento per la sposa ruota intorno alla vicenda di Michal, piantata dal promesso sposo Gidi poche settimane prima delle nozze. Invece di annullare i preparativi per la cerimonia, la trentaduenne ebrea ortodossa reagisce confidando nella fede che ha abbracciato dodici anni prima, convinta di riuscire a trovare, per intercessione divina, un sostituto marito entro la data stabilita: “ho il luogo, il vestito, l’appartamento. Dio mi troverà sicuramente un marito!”. Inizia così la folle ricerca del partner ideale attraverso una serie di incontri fortuiti e appuntamenti combinati, diretti a incontrare il “vero” amore, senza accontentarsi di un signor qualsiasi che aspetti all’altare vestito di tutto punto. Michal incontrerà una vasta e varia umanità e scoprirà a sue spese che interpretare la volontà divina non è poi così semplice come pensava. Film originale e interessante.

QUANDO UN PADRE
di Mark Williams. Genere: Drammatico.
Utilizzazione: Attività culturale/Cineforum
Quando un padre rivisita e approfondisce la performance attoriale di Gerard Butler nel film indipendente del 2004, Dear Frankie, che esplorava il delicato rapporto genitore-figlio. Il “cacciatore di teste” Dane Jensen pensa che il modo migliore per prendersi cura della propria famiglia sia guadagnare più denaro possibile. Perciò si lancia anima e corpo nel lavoro, rinunciando alla sua etica in nome del guadagno economico e al tempo di qualità con moglie e figli in nome di una carriera in ascesa. A poco a poco si aliena dal nucleo familiare, incapace di instaurare una connessione emotiva con i figli, fino a quando il maggiore, Ryan, di dieci anni, non si ammala gravemente. Il ribaltamento dei valori che ne consegue getterà Dane in una crisi profonda. Storia drammatica di una rinascita causata dal dolore.

ASPETTANDO IL RE
di Tom Tykwer. Genere: Drammatico.
Utilizzazione: Attività culturale/Cineforum
Alan Clay, un uomo d’affari in crisi che per rimettersi in pista vola in Arabia Saudita nel tentativo di concludere con il Re l’affare del secolo. Inizialmente disorientato da usanze locali incomprensibili ed estenuato dall’attesa del Re che tarda a riceverlo, Alan cerca di portare avanti il suo progetto con l’aiuto di un bizzarro tassista e di una bravissima dottoressa di cui si innamora. Mano a mano che l’amicizia tra i tre si rafforza, le barriere culturali crollano e Alan comincia perfino a immaginare di ricominciare tutto da capo lì, dove tradizione e modernità si fondano in modo misterioso e affascinante.

SPIDER-MAN HOMECOMING
di John Watts. Genere: Fantasy.
Utilizzazione: Junior cinema/Teens
Nuova versione della saga di Spider-Man, storicamente la terza dopo quelle interpretate da Tobey Maguire e Andrew Garfield, Spider-Man: Homecoming abbassa l’età di Peter Parker, che ha le fattezze del giovane Tom Holland, già nel ruolo l’anno scorso, nell’ensemble di Captain America: Civil War. A differenza dei precedenti lungometraggi dedicati all’Uomo Ragno, Spider-Man: Homecoming è un “ritorno a casa” in tutti i sensi, dato che si allaccia alla continuità dei Marvel Studios. Da quando il progetto è nato, l’idea era quella di cambiare il registro del racconto, spingendo più sulla commedia giovanilistica. Perché solo adesso Spidey “torna a casa” Marvel? Per i fan c’è un solo universo della Casa delle Idee, ma dal punto di vista dei diritti cinematografici il discorso è più complesso: fino a questo momento la Sony (Columbia Pictures) aveva gestito il suo Spider-Man senza interagire mai con la Disney (Marvel Studios), quindi senza mai incrociare i suoi personaggi con quelli della “concorrenza”, che a sua volta era costretta a ignorare il buon vecchio Uomo Ragno, a causa di una licenza concessa alla Sony quando i cinecomic non erano ancora sulla cresta dell’onda. Spider-Man: Homecoming è un armistizio in nome di un futuro possibile sviluppo della storia. Sarà il pubblico a decretare un possibile futuro a questo accordo.

I nostri uffici di via dell’orto 57 a Firenze sono aperti dal lunedì al mercoledì dalle 9.00 alle 13.00 ma è sempre possibile chiedere un incontro in momenti da concordare.

Tutti i riferimenti sul sito dell’ACEC www.acectoscana.it .

ACEC Toscana
Via dell’orto 57
50124 FIRENZE
www.acectoscana.it
segreteria@acectoscana.it