UNA CANZONE PER MARION

UNA CANZONE PER MARION

unacanzonepermarion

UNA CANZONE PER MARION

di Paul Andrew Williams 

(Song for Marion) REGIA: Paul Andrew Williams. SCENEGGIATURA: Paul Andrew Williams. INTERPRETI:  Terence Stamp, Vanessa Redgrave, Gemma Arterton, Christopher Eccleston, Orla Hill, Anne Reid, Bill Thomas. FOTOGRAFIA: Carlos Catalan (Formato: Cinemascope/Colore).  MUSICA: Laura Rossi. PRODUZIONE: Ken Marshall, Philip Moross. DISTRIBUZIONE: Lucky Red. GENERE: Drammatico. ORIGINE: Gran Bretagna. ANNO: 2013.  DURATA: 93’.

Alla periferia di Londra, Marion fa parte da tempo di un coro amatoriale insieme ad anziani del quartiere. Arthur, il marito, l’accompagna ad ogni prova e aspetta fuori per riportarla a casa. Marion infatti si muove con la sedia a rotelle, non sempre ma con frequenza. La malattia che la sta consumando la obbliga ad una assistenza continua. Scontroso di carattere, Arthur si dedica completamente alla moglie, serio, riservato e in realtà innamoratissimo. Quando Marion muore, l’uomo cade in un profondo dolore dal quale riesce a sollevarsi solo in seguito alla decisione di avvicinarsi all’attività del coro e a sostuirsi all’amata Marion. A sostenerlo c’è Elizabeth, la direttrice, ragazza piena di entusiasmo, che lo convince a partecipare ad un competizione con altri cori della Regione. Nel frattempo, Arthur riesce con grande fatica e superando non pochi pudori a riavvicinarsi al figlio James, con cui i rapporti sono da sempre difficili e ostili… La struttura del film di Paul Andrew Williams è molto semplice e lineare, in alcuni punti anche  prevedibile. Una canzone per Marion ha però una sceneggiatura così ricca di particolari e accortezze che arricchiscono il tutto sia dal punto di vista contenutistico che visivo. L’autore dirige e scrive una storia in realtà molto profonda e per certi versi emozionante: chi sa apprezzare i piccoli particolari amerà il film in tutte le sue sfaccettature. La vicenda dei due coniugi e di Elizabeth è raccontata da Williams con pochi “giri di parole”, con sequenze asciutte e accadimenti diretti: forse solo nel finale la mano dell’autore si allenta un po’, ma per tutto il resto del tempo il livello della nostra attenzione è alto e scoprire cosa accade ai protagonisti è veramente un piacere. Una fotografia dai colori tenui e dalle luci morbide accompagna una recitazione di alta qualità che conferisce ai personaggi quel tanto che basta per farli rimanere nella nostra memoria.

* “In parte il copione -dice Paul Andrew Williams- fa riferimento al rapporto tra mio nonno e mia nonna, all’ amore e al senso del dovere che la loro generazione esprimeva. Quando mia nonna si è ammalata di cancro, lui l’ha curata, le è stato accanto, l’ha sostenuta in tutti i modi possibili”. Proprio lungo questa linea si muove il racconto, che con encomiabile coraggio entra subito nell’argomento (la malattia terminale) e vi si muove con tipico spirito anglosassone: quell’atteggiamento fatto di dolore contenuto e di capacità di reazione di fronte alla bellezza delle cose da fare, dell’amicizia, di una spinta a reagire, a creare, a costruire ancora futuro. Per quasi tutto il percorso il regista ha il merito di osservare quasi con pudore i fatti e di farci assistere alla dolce/amara commistione tra felicità e tristezza, tra pieno e vuoto, tra slanci di vita e brividi di morte. Il tutto sempre con una misura e una verità, se non autentici, di certo commoventi. Un film valido, vivace, denso di sensazioni pulsanti ed emozionanti, ben confezionato su argomenti di stretta attualità.

 

 

Scrivi un Commento

Effettua il LOGIN per inviare un commento.