LE USCITE DELLA SETTIMANA (16 – 19 GENNAIO 2014)

LE USCITE DELLA SETTIMANA (16 – 19 GENNAIO 2014)

USCITE CINEMA  16 – 19 GENNAIO 2014

 

I film della settimana:

 

LA MIA CLASSE

di Daniele Gaglianone

Con: Valerio Mastandrea, Bassirou Ballde, Mamon Bhuiyan, Gregorio Cabral. Distribuzione: Distribuzione Indipendente. Genere: Drammatico. Durata: 92′

Utilizzo: Attività culturale/Cineforum – Junior Cinema: Young

«La mia classe» è interpretato da extracomunitari nel ruolo di se stessi mentre imparano l’italiano dall’insegnante Valerio Mastandrea; a un certo punto però la realtà prende il sopravvento sulla finzione e la storia non può più proseguire secondo copione, ma prende una strada imprevista. Il film che è prodotto da Axelotil Film di Arcopinto, KimeraFilm e Relief con Rai Cinema, è stato presentato con successo a Venezia alle Giornate degli Autori, nel frattempo ha partecipato e sta tuttora partecipando a numerosi festival internazionali. Incentrato sul tema dell’integrazione e dell’accoglienza il film può essere un valido spunto per dibattiti su questi argomenti, anche a livello scolastico (scuole superiori).

 

Altre uscite che possono essere di interesse

 

NEBRASKA

di Alexander Payne

Con: Bruce Dern, Will Forte, June Squibb. Distribuzione: Lucky Red. Genere: Drammatico. Durata: 110′

Utilizzo: Attività culturale/Cineforum

Con la magnifica interpretazione di Bruce Dern, premiato come Migliore Attore Protagonista all’ultimo Festival di Cannes, il film racconta la storia di Woody (Bruce Dern), un anziano scorbutico che scappa ripetutamente di casa nel tentativo di raggiungere il Nebraska dove è convinto di ricevere un ricco premio della lotteria. Preoccupati per il suo stato mentale, i familiari discutono a lungo su come risolvere il problema fino a quando il figlio Dave (Will Forte) decide di accompagnarlo nel folle viaggio. Lungo il tragitto i due parlano, si raccontano, si scoprono e, nel cuore di un’America dolce-amara, si ritrovano. Il film rappresenta un emozionante viaggio nella storia di una famiglia e di un’America rurale e nascosta. Interessante ritratto di due generazioni che si incontrano e si scontrano sullo sfondo di un mondo in malinconico declinio.

 

ANITA B.

di Roberto Faenza

Con: Robert Sheehan, Antonio Cupo, Nico Mirallegro. Distribuzione: Good Films. Genere: Drammatico.

Utilizzo: Attività culturale/Cineforum

Anita è appena sedicenne quando esce da Auschwitz e va incontro a un nuovo mondo  piena di entusiasmo. Presto si troverà al centro di una burrascosa storia d’amore, che  diventerà per lei occasione di ribellione e rinascita. Un po’ bambina e un po’ donna, Anita  ha conservato la voglia di lottare, nonostante l’esperienza nei campi. Nel dopoguerra di allora, tutti vogliono vivere. Ma per la maggior parte vivere significa oblio: senza rendersi conto di seppellire se stessi insieme alla memoria. Ed è così che Anita si trova a poter parlare del suo passato solo con un bambino di un anno che l’ascolta, ma non può capirla. Tutti gli altri la invitano a “cambiare argomento”, oppure le dicono “il passato è passato, dimentica”. Anita vuole vivere senza rimorsi, anziché limitarsi a sopravvivere. E nella lotta per affermare la sua identità c’è la ricerca dell’amore, in cui darà tutta se stessa, affrontandone costi e rischi. Ispirato a un romanzo autobiografico (Quanta stella c’è nel cielo di Edith Bruck) ciò che fa di questo film una storia singolare è l’affrontare con una prospettiva nuova il dopo Shoah, un periodo raramente raccontato dal cinema.

 

C’ERA UNA VOLTA A NEW YORK

di James Grey

Con: Marion Cotillard, Joaquin Phoenix, Jeremy Renner. Distribuzione: BIM. Genere: Drammatico

Utilizzo: Attività culturale/Cineforum

1920. Ewa Cybulski (Marion Cotillard) e sua sorella Magda lasciano la Polonia per andare verso la Terra Promessa, New York. Arrivati a Ellis Island, Magda viene messa in quarantena perché le viene diagnosticata la tubercolosi. Ewa, sola e indifesa, cade nella rete di Bruno (Joaquin Phoenix), un uomo di successo, avido e senza scrupoli. Per salvare la sorella, lei è pronta a sacrificare tutto e con la morte nell’anima, si prostituisce. L’arrivo di Orlando, un illusionista cugino di Bruno, ripristina la fiducia, ma il rapporto tra Ewa e Orlando si scontra con la folle gelosia di Bruno. Un ritratto d’epoca, non privo di spunti interessanti, che affronta il tema dell’immigrazione nell’America tra le due guerre.

 

THE COUNSELOR – IL PROCURATORE

di Ridley Scott

Con: Michael Fassbender, Brad Pitt, Dean Norris, Cameron Diaz, Penelope Cruz, John Leguizamo, Javier Bardem. Distribuzione: Fox. Genere: Drammatico

Utilizzo: Attività culturale/Cineforum

The Counselor è un thriller che segue le vicissitudini di un avvocato, chiamato semplicemente The Counselor (Fassbender) che, ad un certo punto della sua carriera, pensa di entrare nel business dello spaccio di droga senza venirne schiacciato. L’uomo, ovviamente, fa la scelta sbagliata e si trova costretto a tentare il tutto per tutto per sopravvivere in un contesto, a dir poco, drammatico. Brad Pitt intepreta Westray un amico che aiuterà l’avvocato a cercare di uscire da questa trappola.

 

THE UNKNOWN KNOWN

di Errol Morris

Con: Errol Morris, Donald Rumsfeld, Kenn Medeiros. Distribuzione: I Wonder Pictures. Genere: Documentario.

Utilizzo: Attività culturale/Cineforum

Un ritratto di Donald Rumsfeld, uno dei grandi architetti della guerra in Iraq, personaggio influente e controverso. Rumsfeld entra in scena come scrittore/attore della propria vita leggendo una scelta dei suoi “fiocchi di neve”, le decine di migliaia di appunti annotati nel periodo in cui fu membro del Congresso, consigliere di quattro diversi presidenti e per due volte segretario della Difesa. Il Rumsfeld scrittore è deciso, filosofico e amante delle massime e delle regole; il Rumsfeld attore non è meno controllato di quanto lo fosse durante le sue virtuosistiche conferenze stampa a proposito del conflitto iracheno, e altrettanto provocatorio. La sua visione del mondo è imperativa e sicura di sé: “La vera pace può venire soltanto dalla forza militare”. Il film può essere utilizzato per dibattiti mirati sul tema Iraq, politica americana e medio oriente.

 

Le altre uscite

 

TUTTO SUA MADRE

di Guillaume Gallienne

Con: Guillaume Gallienne, André Marcon, Françoise Fabian. Distribuzione: Eagle Pictures. Genere: Commedia.

Guillaume, fin da bambino, viene considerato da tutti diverso da com’è. Il primo ricordo che ho di mia madre risale a quando avevo circa cinque anni. Chiamò me e i miei fratelli per cena e disse “Ragazzi e Guillaume, a tavola!”. L’ultima volta che le ho parlato al telefono, mi ha detto “Ti abbraccio, mia cara”. È chiaro da queste due frasi che ci sia un malinteso con tutti e soprattutto con sua madre che dura circa trent’anni, finché incontra quella che diventerà la seconda donna più importante della sua vita. Commedia francese abbastanza convenzionale, senza particolari pregi.

 

ANGRY GAMES – LA RAGAZZA CON L’UCCELLO DI FUOCO

di Jason Friedberg, Aaron Seltzer

Con: Maiara Walsh, Cody Christian, Alexandria Deberry. Distribuzione: Lucky Red. Genere: Commedia

Dai produttori di “Treciento” e “Mordimi” arriva un nuovo film demenziale: “I Mercenari” e “i Vendicatori” incontrano “Sherlock Holmes” ed “Harry Potter” in un improbabile Hunger Game. Volgarità e doppi sensi a non finire per una comicità becera e grossolana.

 

LO SGUARDO DI SATANA – CARRIE

di Kimberly Peirce

Con: Chloe Moretz, Julianne Moore, Judy Greer. Distribuzione: Warner Bros. Genere: Horror

L’adolescente Carrie manifesta fin da bambina di possedere il potere della telecinesi. La madre oppressiva e bigotta ha sempre represso terrorizzata questo suo potere, crescendola in un clima di paura. Derisa dai compagni di scuola per le sue stranezze, la ragazzina sembra trovare la serenità quando un compagno di scuola, ex ragazzo di Sue Snell, l’unica che sembra provare compassione per lei, mostra interesse e la invita al ballo. Durante la serata però qualcosa scatenerà una volta per tutte i poteri di Carrie, portando a tragiche conseguenze…Solito horror con tutti gli ingredienti del genere.

 

Film segnalati nelle precedenti settimane

 

In solitario di Christophe Offenstein (Lucky Red)

Il passato di Asghar Farhadi (Bim)

Black Nativity di Kasi Lemmons (Fox)

Free Birds – Tacchini in fuga di Jimmy Hayward (Adler) Junior Cinema: Baby

Lo Hobbit: La Desolazione Di Smaug di Peter Jackson (Warner Bros) Junior Cinema: Teens-Young

Still Life di Uberto Pasolini (Bim)

Frozen – Il regno di ghiaccio di Chris Buck, Jennifer (Walt Disney) Junior Cinema: Baby

Philomena di Stephen Frears (Lucky Red)

Piovono polpette 2 di Cody Cameron, Kris Pearn (Warner Bros) Junior Cinema: Baby

I sogni segreti di Walter Mitty di Ben Stiller (Fox)

The Butler  di Lee Daniels (Videa CDE)

Disconnect di Henry Alex Rubin (Universal)

 

  Leggenda:  Alla voce utilizzo vengono indicate alcune sigle che possono essere di aiuto per la programmazione del film:

Attività ordinaria = Il film in genere è realizzato per il grosso pubblico con una valenza tipicamente commerciale. Fatto salvo che, se non è indicato diversamente, il film si rivolge comunque ad un pubblico adulto, si consiglia di utilizzare il film per più giorni, nel fine settimana e per il grosso pubblico in generale.

Attività culturale = Film di qualità che richiede un pubblico generalmente preparato.  Da utilizzare per più giorni e nel fine settimana in quelle sale che svolgono principalmente attività culturale. In occasioni mirate, in giorni stabiliti, per le altre sale.

Cineforum = Film particolarmente adatto per l’utilizzo in condizioni mirate, per occasioni di dibattito, riflessione e confronto.

Situazioni mirate =Documentari o eventi musicali o culturali di vario genere, mirati per un pubblico selezionato o di appassionati.

Junior Cinema (Baby-Teens-Young) = Film realizzato per un pubblico di ragazzi e per la visione familiare. Da proporre in ogni occasione riservata a questo tipo di pubblico. Se il film ha interesse didattico e scolastico è indicata la voce (scuole).  

I film, inoltre, sono raggruppati per: I film della settimana (particolarmente validi dal punto di vista artistico e per i valori che propongono), Altre uscite che possono essere di interesse (film che può risultare interessante per essere utilizzato in particolari situazioni o per interesse artistico o commerciale), Le altre uscite (film che non vengono consigliati per la programmazione).