In Newsletter Acec, NEWSLETTER MENSILE ACEC-ANCCI, Newsletter SACI

WONDER
di Stephen Chbosky. Genere: Drammatico.
Utilizzazione: Junior cinema baby/teen
L’adattamento cinematografico dell’omonimo libro di R.J. Palacio, che in poco tempo è diventato un caso letterario in tutto il mondo, è un film avvincente e commovente che riesce a coinvolgere lo spettatore nelle vicende di un bambino, August, affetto da una rara malattia, che affronta il suo primo anno scolastico. Tra incomprensioni, atti di bullismo e lenta, ma progressiva voglia di ritagliarsi uno spazio tra i suoi coetanei, August riuscirà a farsi amare e apprezzare e supererà anche le sue paure e titubanze. Un film sulla tolleranza e l’accettazione degli altri, sull’impegno di genitori e figli per superare con gesti di amore le difficoltà quotidiane, ma anche una storia profondamente umana che coinvolge ragazzi e genitori.

FERDINAND
di Carlos Saldanha. Genere: Animazione.
Utilizzazione: Junior cinema baby/teen
Il toro Ferdinando ha l’aspetto del feroce toro da corrida: esemplare robusto, dal manto nero e lucente ma con un temperamento tutt’altro che irascibile, un toro che, a differenza di tutti gli altri suoi amici e a dispetto della sua stazza e della sua forza, non ha alcun interesse nel dimostrare di essere feroce né di diventare un temuto toro da corrida. Al contrario, aspira solo a una vita tranquilla. Quando Ferdinand sarà costretto a giostrare nelle arene, gli amici della fattoria elaboreranno un piano che gli permetterà di tornare a casa. Fresco e brillante, il film è ricco di colori e gags indovinate e rappresenta un divertimento per tutta la famiglia.

COCO
di Lee Unkrich, Adrian Molina. Genere: Animazione.
Utilizzazione: Junior cinema baby/teen
Coco ci porta in un variopinto villaggio messicano, animato dai preparativi per il “Dìa de Muertos” e dalla musica delle orchestrine che inonda le strade. Il dodicenne Miguel vorrebbe immergersi nei festeggiamenti strimpellando la sua chitarra sconquassata, ma sulla famiglia Rivera aleggia una maledizione che impedisce ai componenti di imbracciare strumenti musicali. Il divieto, imposto decenni prima dalla bisnonna Imelda, non riesce a tenere Miguel lontano da corde e arpeggi. Né lo frena dal venerare e imitare le melodie del suo cantante preferito, il leggendario Ernesto de la Cruz. Così, nel giorno della festa che celebra i defunti, trafuga la chitarra magica appartenuta al suo idolo e finisce in una dimensione tanto fiabesca quanto misteriosa. Il mondo dei morti appare come una gigantesca metropoli verticale: collegata da tram, regolata da uffici e sportelli, e popolata da arzilli scheletri luccicanti. Miguel lo visiterà con la guida dell’affascinante spirito Hector, alla scoperta del segreto che si cela dietro alla sua famiglia.

THE GREATEST SHOWMAN
di Michael Gracey . Genere: Commedia.
Utilizzazione: Ordinaria
Numeri poderosi e coreografie sgargianti si mescolano in questo spettacolo musicale con Hugh Jackman nei panni dell’abile intrattenitore di folle P.T. Barnum, l’uomo che ha rivoluzionato lo spettacolo circense. Il film che unisce assieme musiche, commedia e momenti drammatici, racconta le vicende che portarono alla nascita del circo moderno e segue vita di Barnum, grande uomo di spettacolo. Il risultato è un film di notevole efficacia visiva, ricco di inventiva, un musical all’altezza della grande tradizione americana, uno spettacolo di alto livello capace di entusiasmare e commuovere.

VI PRESENTO CHRISTOPHER ROBIN
di Simon Curtis . Genere: Drammatico.
Utilizzazione: Culturale/cineforum
Vi presento Christopher Robin è il titolo dell’incantevole e poetico film su A.A. Milne, ideatore dell’orsetto Winnie the Pooh e della gang nel Bosco dei Cento Acri. Prima di diventare l’amato personaggio dei libri illustrati per bambini, l’orsetto ghiotto di miele nato dalla penna dello scrittore britannico, era un orsacchiotto in pezza e imbottitura. Portato a casa dalla Signora Milne per il primo compleanno di Christopher Robin, Pooh diventa compagno di giochi inseparabile del bambino e poi leader della fortunata banda di peluche che va allargandosi ogni anno. Questi personaggi diventano protagonisti dei racconti dello scrittore. Il successo dell’opera è straordinario: le divertenti imprese di Christopher Robin e dei suoi amici di pezza restituiscono sogni e speranza al Paese ancora provato dalla Prima guerra mondiale, ma attaccano addosso al piccolo Milne l’etichetta di “eterno bambino”, o peggio ancora di “personaggio letterario”. Fama della quale non riuscirà a liberarsi neanche da adulto.

DUE SOTTO IL BURQA
di Sou Abadi. Genere: Commedia.
Utilizzazione: Ordinaria
Cosa non si farebbe per amore? Armand e Leila sono due studenti e stanno per volare insieme a New York per una prestigiosa borsa di studio, ma pochi giorni prima della partenza, Mahmoud, fratello di Leila, fa il suo ritorno da un lungo soggiorno in Yemen, un’esperienza che lo ha cambiato… radicalmente: ai suoi occhi, ora, lo stile di vita moderno della sorella è offensivo per la tradizione. L’unica soluzione è confinarla in casa e impedirle ogni contatto con il suo ragazzo. Ma Armand non ci sta e pur di liberare l’amata escogita un piano folle: indossare un niqab e spacciarsi per donna. Il suo nome d’arte? Shéhérazade. Quello che Armand non si aspetta è che la sua recita possa essere sin troppo convincente… Classica commedia degli equivoci, fresca e brillante, mai banale e irrispettosa anche nei passaggi in cui coinvolge la religione islamica di cui, anzi, fa emergere gli aspetti contrari alla violenza. Ispirato all’assunto di “A qualcuno piace caldo” di Billy Wilder, il film si presenta come un racconto divertente e intelligente.

L’INSULTO
di Ziad Doueiri. Genere: Drammatico.
Utilizzazione: Culturale/cineforum
Un litigio nato da un banale incidente porta in tribunale Toni e Yasser. La semplice questione privata tra i due si trasforma in un conflitto di proporzioni incredibili, diventando a poco a poco un caso nazionale, un regolamento di conti tra culture e religioni diverse con colpi di scena inaspettati. Toni, infatti, è un libanese cristiano e Yasser un palestinese. Al processo, oltre agli avvocati e ai familiari, si schierano due fazioni opposte di un paese che riscopre in quell’occasione ferite mai curate e rivelazioni scioccanti, facendo riaffiorare così un passato che è sempre presente. Un film sofferto e coinvolgente che aiuta a riflettere in modo serio su quanto sia difficile mantenere una convivenza pacifica in molte parti del mondo.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca